Ciao....Mi date una mano?

Oggi hai spento la tua ultima sigaretta? E' un anno che non ne accendi una? Annuncia la tua decisione agli altri e festeggiamo insieme gli obiettivi raggiunti!

Re: Ciao....Mi date una mano?

Messaggioda Bosanza » 02/06/2015, 6:57

Io sono ex-fumatore da 19 giorni dopo 28 anni ad un pacchetto al giorno.
Sono sicuramente ancora molto debole ed acerbo come ex... Ma questo mi permette di avere la memoria molto fresca!
Io ho avuto l'apice del disagio il terzo giorno: il terzo giorno mi sarei fumato le gambe del tavolo: ho dato fuoco a del rosmarino e ho aspirato. Tosse, fastidio. Ma stavo impazzendo.
Ci sono momenti nei quali, a mio parere, non c'è PNL che tenga: al terzo giorno ho dovuto ricorrere a tutta la forza di volontà possibile immaginabile: la droga chiamava e chiamava davvero forte.
Poi la discesa... Poi più semplice. E OGNI GIORNO CHE PASSA È PIÙ SEMPLICE!
Considera che io lavoro in mezzo a fumatori, il 75~80% della gente con cui lavoro fuma incessantemente: non provo alcuna invidia, né alcuna difficoltà nel dire loro, nel caso mi venga offerta una sigaretta, "No grazie".
Non credevo fosse possibile: credevo che sarei diventato matto: nulla di più falso: passati i primi tre giorni (duri duri, inutile nasconderlo), la strada è stata in discesa, con qualche micro-ricaduta serale assolutamente gestibile.
Fumo di nuovo. E me ne vergogno.
Bosanza
 
Messaggi: 21
Iscritto il: 17/05/2015, 18:20
Località: Milano

Re: Ciao....Mi date una mano?

Messaggioda blocchiera » 02/06/2015, 9:24

Complimenti:Ormai il peggio è passato,ora comandi tu..................basta solo continuare a crederci.
Saluti Rosario
dalle ore 15,50 del 14/10/2012 solo aria pura....,e sempre più fermamente covinto a continuare ...Rosario
Avatar utente
blocchiera
 
Messaggi: 360
Iscritto il: 31/10/2012, 17:12
Località: acireale

Re: Ciao....Mi date una mano?

Messaggioda teddegf » 02/06/2015, 11:23

Ciao Bosanza,intanto i miei complimenti per il traguardo fin qui raggiunto ,19 gg possono sembrare pochi ma credi a me son tantissimi,anche per me i primi tre giorni d'astinenza son statti difficili ,tanto e vero che mi posi davanti ad uno specchio e alla mia immagine riflessa feci la seguente affermazione :"guarda che sei tu che ti sei stancato di essere schiavo della sigaretta"e questa è una verità ,altrimenti perchè avrei cercato aiuto per poter smettere d'avvelenarmi?io credo che il metodo RE.S.A.P sia un grande aiuto ,ma ci vuole la VOLONTA',non dico che è stata una passeggiata ma più tempo passa e meno ci si ricorda di esser stati dei fumatori,e oltretutto oggi ammetto di esser stato un fesso ad aver speso tutti quei quattrini per questa maledetta dipendenza :mrgreen: un grande in bocca al lupo :D
libero il 09/10/2011 e non ci casco più
Avatar utente
teddegf
 
Messaggi: 816
Iscritto il: 30/09/2011, 18:25

Re: Ciao....Mi date una mano?

Messaggioda oscar lombardi » 06/06/2015, 4:50

Ola' Bosanza,ormai ti avvicini al primo complemese.
Dagli scritti dei primi giorni si evince il culo che ti sei fatto,ma alla fine hai vinto tu.ù
Siine fiero,e appuntati la medaglia al valore sul petto.
Benvenuto nel mondo degli ex tossici e...mai abbassare la guardia !
Una notte insonne di Ottobre 2012 decisi di smettere...W l'insonnia !!
Avatar utente
oscar lombardi
 
Messaggi: 1085
Iscritto il: 21/10/2012, 6:17

Re: Ciao....Mi date una mano?

Messaggioda Bosanza » 06/06/2015, 10:58

Grazie!
Tra l'altro sonno e veglia stanno tornando alla normalità, sempre tendenti al presto ma spero che mano a mano si riassestino su orari più sociali (ora come ora alle 23:00~23:30 ho sonno e tra le 7:00 e le 7:30 mi sveglio).
Ogni tanto mi viene ancora voglia di fumare, una voglia simile ad una sorta di blanda nostalgia, non un grido disperato da astinenza.
Le situazioni che richiamano alla mente il ricordo della sigaretta dandole una connotazione piacevole sono quelle dei "cavoli miei", quei momenti nei quali nessuno rompe le palle, né colleghi, né familiari, quei momenti privati e preziosi che in una giornata sono ben pochi e durano ancora meno.
Chiaramente non fumo, ma sento che una parte di me (più debole di quella che decide) fumerebbe volentieri... In ogni caso non possedendo sigarette c'è ben poco da fare!
Non so se questi momenti di malinconica nostalgia (non so come altro chiamarli) passeranno dissolvendosi...
Fumo di nuovo. E me ne vergogno.
Bosanza
 
Messaggi: 21
Iscritto il: 17/05/2015, 18:20
Località: Milano

Re: Ciao....Mi date una mano?

Messaggioda pavina » 06/06/2015, 15:30

e bravo Bonanza !!
.....anche volendo non possiamo cancellare il nostro passato da funatori e il nostro cervello ce lo fa ricordare , nel tuo caso, nei momenti privati e preziosi che si presentano durante la giornata: ed è registrando questo momento che il cervello crea la sensazione di malinconia perchè non c'è più la sigaretta a tenergli compagnia :mrgreen:
come per il sonno-veglia, così la malinconia o la sensazione che manca qualche cosa passerà .......è tutto un cambiamento IN MEGLIO di abitudini mantenute per anni........ci vuole tempo per cambiare ;)
continua così......ciao
evasione effettuata il 6 agosto 2013
pavina
 
Messaggi: 307
Iscritto il: 25/08/2013, 16:39
Località: milano

ALLARME ROSSO

Messaggioda Bosanza » 07/06/2015, 22:12

ALLARME ROSSO

Credevo di essere un super-figo, mega-motivato, ultra-deciso...
Questa sera sono uscito, locale all'aperto, location perfetta, nel parco, arietta ristoratrice nella ormai avviatasi canicola milanese...
Di nuovo solo l'azione della Forza di Volontà mi ha permesso di non fumare.
Intorno a me fumavano. Come al lavoro. Ma con una grandissima differenza: al lavoro li compatisco, qui li ho invidiati.
Soprattutto ho invidiato il ragazzo di fronte a me che per almeno un'ora non mi è neppure sembrato un fumatore fin quando, con naturalezza, ha estratto tabacco e cartine e si è costruito un rollino... Poi se l'è acceso.
Come se l'è gustato.
Ho provato invidia. Ho provato rabbia. Ho provato soprattutto PENA...
Pena per ME, non per lui. Pena perché se io fossi stato ancora un fumatore, nello stesso tempo in cui lui si è fatto il suo rollino, io mi sarei fumato cinque o sei sigarette. E non sto affatto esagerando.
Ho provato invidia, un'invidia lancinante: anch'io vorrei poter gestire così la maledetta nico. Ma io non posso, come non posso volare, non avendo ali, o non posso respirare sott'acqua, non avendo branchie. Ma cosa di diverso da me ha lui?
Perché lui può aspirare tabacco una sola volta nel corso di una serata a base di arietta fresca, chiacchiere, alcool, spensieratezza, mentre se io mi lasciassi andare ne fumerei 10?
Perché lui si può controllare senza la minima fatica mentre ioho dovuto passare l'inferno?
Fumo di nuovo. E me ne vergogno.
Bosanza
 
Messaggi: 21
Iscritto il: 17/05/2015, 18:20
Località: Milano

Re: Ciao....Mi date una mano?

Messaggioda pavina » 08/06/2015, 15:09

ma quel ragazzo non si stava controllando !!....fumava tranquillamente la sua sigaretta perchè lo voleva !
a differenza tua lui non sta cercando di smettere e ho imparato anche che ci sono diverse categorie di fumatori: c'è chi funa due pacchetti al giorno e c'è chi fuma 5 sigarette ....non è importante la quantità( tranne che per la salute) quanto la dipendenza e l'essere legati a quella manciata di sigarette , il non avere il controllo su di loro anche se così poche!!
quindi non amareggiarti per quel momento , quelle sensazioni negative che hai provato fanno parte del tuo vissuto passato da fumatore , ma ora tu hai deciso di PRENDERE IL CONTROLLO su di loro e di essere libero: libero di non provare più invidia, di non provare più rabbia, di non provare più pena quando vedrai qualcuno fumare e, ti assicuro che ci si arriva!.....questa è la differenza tra te e quel ragazzo: tu hai scelto di essere libero dalla dipendenza........dai che sei sulla buona strada.....
evasione effettuata il 6 agosto 2013
pavina
 
Messaggi: 307
Iscritto il: 25/08/2013, 16:39
Località: milano

Re: Ciao....Mi date una mano?

Messaggioda Bosanza » 09/06/2015, 10:39

Parole di grande conforto. Grazie.

L'Esperienza dell'Invidia si è conclusa. L'ho archiviata, dandole proprio questo nome "Esperienza dell'Invidia".
Probabilmente fa parte del percorso di disintossicazione mentale, non me la spiego altrimenti. Non escludo neppure di doverla vivere di nuovo ma, come ogni cosa già vissuta, sarà più semplice da capire rispetto alla destabilizzante prima volta.
Non so neppure se il mono-fumatore (fumatore da singola sigaretta) sia uno schiavo quanto lo sono stato io o sappia incredibilmente gestire la droga con una maestria a me sconosciuta. Propendo per la seconda ipotesi, ma so anche che le persone hanno capacità diverse, sensibilità differenti, abilità proprie indipendenti dall'allenamento, dallo studio, dalla preparazione. Si tratta di naturale predisposizione più o meno affermata, più o meno insita nell'individuo.
Nella vita, accettando che, indipendentemente dall'allenamento, dallo studio e dalla preparazione, ci possa essere una persona più portata a suonare il pianoforte rispetto ad un'altra, non vedo perché non dovrebbe essere lo stesso per quanto riguarda la gestione della nicotina.
Non mi aspetto di incontrare mono-fumatori su queste pagine e di poter ascoltare la loro esperienza: un mono-fumatore non ha bisogno di liberarsi poiché, di fatto, non è schiavo.
Resta il fatto che questa loro abilità non è acquisibile, non da me.
Immagino che sia innata, come il gusto per l'accostamento dei colori, la sensibilità alla musica, la raffinatezza del gusto o dell'olfatto. Io non ho questa abilità, né mai potrò averla.
Nessuno che sia approdato su queste pagine ha questa capacità, questo dono non trasmissibile: tanto vale accettarlo e farsene una ragione, come si accetta il fatto di non poter volare sbattendo le braccia o respirare sott'acqua senza le bombole.
Credo sia necessario raggiungere una sorta di rassegnazione nei confronti dell'incapacità di gestire la nicotina e trasformarla magicamente in disinteresse: nel momento in cui l'azione del fumare perde di qualunque interesse, anche il fatto di non poter gestire la droga non ha più alcun senso: se drogarmi non mi interessa, il problema di gestione della droga cessa di essere un mio problema.
Sto filosofeggiando... Cazzeggio mentale in risposta ad una schifosa e potente dipendenza mentale.
Un po' una personale analisi, un po' un pubblico sfogo.
Grazie per averlo letto.
Fumo di nuovo. E me ne vergogno.
Bosanza
 
Messaggi: 21
Iscritto il: 17/05/2015, 18:20
Località: Milano

Re: Ciao....Mi date una mano?

Messaggioda Stefaniska » 09/06/2015, 20:36

Grazie per averlo letto.


Grazie per averlo scritto !!

Ciao Bosanza, mai presentati ?
non iporta.... io ti ho letto di tanto in tanto e forse anche tu avrai sbirciato qualche mio vecchio post

Non mi aspetto di incontrare mono-fumatori su queste pagine e di poter ascoltare la loro esperienza: un mono-fumatore non ha bisogno di liberarsi poiché, di fatto, non è schiavo.

Sbagliato !! ...Vedi me ( max 10-12 sigarette al giorno, mai prima di pranzo per lo più concentrate dopo cena ) Vedi Bru Bru ( credo 1-2 sigarette al giorno )
Certo io forse avrò avuto meno difficoltà a smettere ma ti assicuro un giro del dolore niente male e forse a fregarmi è stata proprio l'illusione che per anni mi sono raccontata che tanto io non ero schiava e che vuoi che siano 6-7 sigarette ...

P.S. complimenti per la firma ...è l'unica motivazione valida e inattacabile
Continuo a respirare con gioia aria pura dal 03/09/12
Stefaniska
 
Messaggi: 716
Iscritto il: 06/09/2012, 0:38

PrecedenteProssimo

Torna a Un giorno, un mese, un anno... senza sigarette!

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron